Mi sembra il momento di Modigliani e di Anna Maria Ortese e di Pasolini e di De André…

Questa mattina mi sono svegliata, di Natascha Lusenti

Questa mattina mi sono svegliata e ho pensato alle parole che ho letto ieri su facebook. Gianni scrive: ho passato una notte da incubo perché non ho più un lavoro, vi sembra il momento di Modigliani? Non so quanti anni hai, Gianni, né che lavoro facevi e se ti piaceva oppure lo detestavi. Non so se hai smesso di mangiare la carne e il pesce, non perché hai scelto di diventare vegetariano, ma perché ti mancano i soldi. Non so se hai figli e se a Natale hai potuto fare dei regali. Non so se hai una casa di proprietà o se rischi lo sfratto e se per tirare avanti devi chiedere i soldi alla tua compagna, alla tua ex moglie, ai genitori, a un cugino, a un amico, a un usuraio. Però, Gianni, sì, mi sembra il momento di Modigliani. Ancora e nonostante tutto. Mi sembra il momento di Modigliani e di Anna Maria Ortese e di Pasolini e di De André e di Amelia Rosselli e di Altiero Spinelli e di Gaetano Salvemini e di Corto Maltese. Perché questi uomini e queste donne mi aiutano a sopportare il peso di appartenere a una specie di esseri viventi capaci di odiarsi l’un l’altro, di essersi indifferenti e ostili, di farsi la guerra, di sottrarsi la terra, il pane, la dignità, il futuro. E perché mi aiutano a trovare l’orgoglio di avere la stessa carne e il sangue e gli occhi di minatori, infermieri, muratori, genetisti, veterinari, cuochi, ricercatori, camionisti, insegnanti che si danno una mano e un sorriso. Perché questi uomini e queste donne sanno che la bellezza aiuta il mestiere di vivere e che farne una clandestina, senza permesso di soggiorno, ci rende ancora più poveri e più deboli. Buon risveglio, Gianni.


>>> Scarica qui la PILLOLA AUDIO del risveglio di Natascha

Comments

comments

4 Responses to “Mi sembra il momento di Modigliani e di Anna Maria Ortese e di Pasolini e di De André…”

  1. parole molto belle le tue che però cozzano contro una realtà al momento molto critica soprattutto per chi resta senza lavoro e ha una famiglia da mantenere o chi lo cerca disperatamente.

  2. Non sempre i suoi risvegli mi entusiasmano, questo per amedeo lo ha fatto. brava.

  3. Nei periodi bui della vita la cultura e la capacità di apprezzare la bellezza sono un grande conforto proprio perché non hai nient’altro ma hai qualche cosa che nessuno ti può togliere perché è parte di te

  4. Per Anna Maria Ortese, attendo da tempo un riconoscimento nazionale. In biblioteca dove lavoro siamo pronti ad un evento. Ci vuole un’occasione…

Discussion Area - Leave a Comment