Il risveglio al CaterRaduno 2013

Questa mattina mi sono svegliata, di Natascha Lusenti

risveglio27

Questa mattina mi sono svegliata con una gran fame, con una voglia di pane, burro e miele come quando andavo a scuola e trovavo mia madre in cucina con il latte sul fuoco e le fette sul tavolo. Mi sono chiesta a volte se il miele mi piacesse tanto per via del fatto che il mio peluche era un orso bruno. Allora mi è venuta in mente la bambina inglese con la tutina azzurra e i grandi pois bianchi che ho visto ieri. Avrà avuto un anno. Capelli gialli e occhi chiari come il cielo che ci pendeva sopra. Era ancora in quella fase che un uomo a cui voglio bene chiama la fase della grassa vongola, quando i piccoletti ti si allungano addosso e ti toccano e dipendono da te e mangiano molto e sono morbidi da toccare. Il papà l’aiutava a stare dritta, la mamma scattava fotografie. Lei doveva fare i primi passi. Il mare le spazzava i piedini e le insidiava le ginocchia e lei teneva lo sguardo serio in basso, dove avveniva la sfida, e intanto lanciava in avanti le zampe. Quando il padre ha ritenuto che avesse faticato abbastanza, l’ha guidata fuori dall’acqua. Soltanto allora il piccolo personaggio ha alzato gli occhi e ha guardato dritto verso la madre e ha sorriso con fierezza. Sembrava un dolcissimo animale selvatico e mi ha ricordato il mio gattino con un occhio solo quando butta le prede sul tavolo dove lavoro, e poi se ne va. La bambina aspettava che chi le vuole bene le dicesse che era stata brava. E ho pensato che è proprio così, che abbiamo bisogno di condividere le emozioni e che non dobbiamo fingere che non sia vero.

Comments

comments

2 Responses to “Il risveglio al CaterRaduno 2013”

  1. E’ stato sostituito un programma piacevole che iniziava alle 10 con questo penoso Caterraduno che mi sembra assomigli molto ai Centri estivi parrocchiali, senza togliere nulla a codesti.
    La trasmissione succesiva poi un’altro disastro, da affezzionati ascoltatori siamo costretti a migrare in altri canali.
    Auguri

  2. sì, ecco, fai così,

    auguri

Discussion Area - Leave a Comment