Grazie a tutti!

di Marco Ardemagni

 

C’è chi non dice mai grazie

c’è chi sempre e solo grazie

chi lo dice quando è giusto

chi lo fa, ma con disgusto.

 

Io nel dubbio lo pronuncio

però, e qui mi autodenuncio,

pur tra i molti formulati

ne ho un bel po’ dimenticati.

 

Grazie a voi amici cari,

e ai colleghi straordinari

Grazie un sacco, anzi una sporta,

a chi a casa mi sopporta.

 

Grazie a fabbri, ai muratori

contadini, ambasciatori.

A chi è a casa, ancora senza:

grazie sì, per la pazienza.

 

Ai maestri, alle maestre,

a chi aggiusta le finestre,

grazie ai cuochi, ai camerieri,

ai commessi ed ai pompieri.

 

Ai piloti, ai ferrovieri,

ai dottori, agli infermieri,

e a chi rischia sul lavoro

soprattutto grazie a loro.

 

Però al gruppo sterminato

che nel bar o in mezzo al prato

mi ritrova il cellulare

mando un grazie singolare.

grazie

Comments

comments

Discussion Area - Leave a Comment