La sfida del giorno: Germania – Brasile

GERMANIA-BRASILE

 

di Cinzia Poli
Questa sera una domanda rimbalzerà dalla nazionale tedesca agli spalti della tifoseria: “Ma davvero in Brasile non circola l’euro?”. Un’altra le farà eco tra gli avversari: “Ma dove se li fanno dei colpi di sole così naturali?”. Come fermare gli interrogativi alemanni: “Ma in brasiliano, birra si dice ‘batida de luppolo’? Si possono portare le infradito coi calzini? E’ fallo colpire lo stinco con dei krauti?” I giocatori brasiliani, di contro, non potranno fare a meno di chiedersi che cos’ha di speciale Wagner che Chico Buarque non ha, come si chiama la spiaggia più famosa della Germania e soprattutto: “Perché non si rilassano? Siamo solo in ritardo di mezz’ora”. Quesiti, domande, curiosità. E’ questa la vera partita.

Alfredo Di Stefano

di-stefano

 

di Marco Ardemagni

In rete ne rimangono spezzoni,
me li son visti tutti ieri sera:
ragazzi, ma che fuoriclasse era
difficile trovare paragoni!

Le prime cinque coppe dei campioni,
quelle finali che han poi segnato un’era,
han tutte gol così alla sua maniera:
Di Stefano, che reti, che emozioni.

Per molti fu il più grande della storia
Meglio di Cruijff, Pelè o di Diego Armando
Ma non giocò un minuto del mondiale

forse perciò lui se n’è andato in gloria
ma, credo, sotto sotto, sospirando
a un giorno, o poco più, dalla finale.

Notizie dai ritiri

ritiro-pesca

 

di Marco Ardemagni

Il CT della nazionale italiana Matteo Renzi ha commentato così la vittoria ai rigori dell’Olanda sul Costa Rica. “È come il mito di Persefone. Non c’entra un accidente, ma fa tanto Recalcati”.

L’imperatore dell’Argentina Diego Armando Maradona ha confessato: anche noi, come Van Gaal, stiamo pensando a una soluzione estrema contro l’Olanda: prima dei rigori facciamo entrare Papa Francesco per scomunicare Robben e Sneijder.

La regina della Colombia, Shakira, si è detta molto dispiaciuta dell’infortunio procurato a Neymar da Zuniga. Abbiamo in mente una punizione durissima per il nostro giocatore: “Gli faremo ascoltare tutti i miei CD un paio di volte”.

C’è lo zampino del CT della nazionale turca, Erdoğan dietro al trasferimento di Prandelli al Galatasaray. “Da lui vogliamo proprio il calcio espresso dagli azzurri al mondiali. Abbiamo avuto tanti disordini lo scorso anno, il paese ha bisogno di calma. Prandelli è in grado di farci dormire tutti”.